Tutto inizia dal nostro orto.

Ora, quel piccolo orto è un posto meraviglioso, capace di accogliere qualsiasi ospite e di regalargli un poco di tradizione e cultura.

La nostra tradizione è sorprendervi. In senso buono.

Chi si aspetta di entrare al Portico e contare su un menu fisso e prestabilito, rimarrà a bocca aperta. Le pietanze vengono decise giorno per giorno, sulla base delle materie prime che è la terra ad offrire, non i grandi mercati internazionali.

Lo Chef Dario è nato qui, a Prebone.

Solo chi nasce in posti come questo, capisce a fondo cosa vuol dire nutrirsi con amore e “dar da mangiare”. In questa terra è diventata grande anche la sua passione per la cucina, tramandata dalla famiglia, con ricette semplici che poi sono cresciute nelle sue mani, con la sua ricerca.

Il massimo rispetto e affetto per il territorio si vede anche nell’occasione straordinaria che il Portico offre:

la possibilità esclusiva da parte dei clienti di poter scegliere i frutti della terra, visitando in prima persona l’orto al mattino.

Così, ognuno di voi, potrà essere in parte anche protagonista della cucina, oltre che della tavola.

Le radici contadine:
spontanei e genuini, come i nostri piatti.

Tempo fa, quando si era ospiti nelle case contadine, bisognava ricambiare l’ospitalità raccontando una storia. Questa usanza, piena di poesia, è ancora valida al Portico.

Come si entrasse in un tempo antico, dove il piacere della compagnia superava qualsiasi preoccupazione e la natura era parte della nostra vita.